Ven. Apr 19th, 2024

“Un Sud Green & Blue, risorse, ostacoli e opportunità” è il percorso, ormai giunto alla sua
quinta edizione, che SUD e FUTURI, evento della fondazione Magna Grecia, ha
inaugurato lunedì 10 Luglio al Castello Ruffo di Scilla.
Opportunità è, tra le tre, la parola che più si avvicina agli obbiettivi venturi che si è
prefissato l’Ente Parchi Marini Regionali per la Calabria (EPMR).
Opportunità per una terra che merita di sbocciare, perché i nostri mari, metaforicamente,
non sono null’alto che uno straordinario giardino da coltivare e curare, pieno di
potenzialità, ricco di varietà, pronto per essere ammirato da tutti.

Narrare un territorio in chiave turistica: il valore della cultura e della comunicazione

Qual è il futuro possibile per il Sud è una domanda che la fondazione Magna Grecia si
pone e che, dal 2019 con l’evento “SUD e FUTURI”, prova a dare risposte e suggerimenti
nelle più belle città del Mezzogiorno.
Martedì 11 luglio si è svolta la seconda giornata di incontri dell’evento. Alle 10.30 si è
ufficialmente aperto il panel “Narrare un territorio in chiave turistica: il valore della cultura e
della comunicazione” dove si è discusso su come utilizzare le ricchezze del Sud per lo
sviluppo del territorio e del turismo.
Prezioso il contributo del Commissario dell’EPMR Dott. Raffaele Greco che ha esposto gli
obiettivi programmatici dell’Ente per il triennio 2023-25:

  1. Attivazione delle sedi operative nei Parchi
  2. Realizzazione del Piano della segnaletica stradale e della cartellonistica dei
    Parchi
  3. Piano di interventi per la fruibilità sostenibile dei Parchi Marini
  4. Perimetrazione delle aree a mare e strutturazione di campi di ormeggio, per la
    tutela di habitat sensibili, nei Parchi e nelle ZSC marine gestite dall’Ente.
  5. Creazione e Implementazione di un sistema informativo Web-Gis, per le
    attività di raccolta e gestione dei dati, ambientali, urbanistici e territoriali nelle
    aree dei Parchi.
  6. Realizzazione dei Piani e dell’iter per il conseguimento della carta europea del
    turismo sostenibile nei parchi marini regionali (CETS)
  7. Realizzazione del Piano di Comunicazione e di Promozione dei Parchi Marini
  8. Interventi per la sostenibilità e lo sviluppo della piccola pesca artigianale e
    delle attività collaterali nelle aree dei Parchi marini
    Questi punti, insieme a tutte le altre iniziative in corso di svolgimento, vogliono essere in
    primis una base di partenza per la tutela delle aree protette ma allo stesso tempo un
    volano per il turismo non solo per i territori che abbracciano i 6 Parchi ma per la Calabria
    intera.